Alba: tartufo, lussuosi foodies moments e bollicine.

Alba si prepara ufficialmente ad accogliere appassionati e curiosi per il prodotto più pregiato delle Langhe: sua maestà il tartufo bianco. La Fiera Internazionale del tartufo bianco d’Alba, giunta alla sua 87/a edizione, prenderà ufficialmente il via sabato 7 ottobre fino al 26 novembre. Un appuntamento quest’anno all’insegna del design, e di una consacrazione per questo prezioso frutto della terra: la candidatura a patrimonio immateriale dell’umanità Unesco.

Nel programma “a tutta trifola” ci sono otto week end in cui sarà possibile vivere diverse esperienze sensoriali. Gli chef stellati che si susseguiranno durante i Foodies Moments – Ugo Alciati , Flavio Costa, Andrea Berton, per citarne soltanto alcuni – abbineranno il Tartufo Bianco d’Alba ad ostriche, caviale, fois gras, kobe; innaffiando con Champagne e Barolo.  Il biglietto per la food experience gourmet costa 35 euro; il ricavato sarà destinato al progetto “Breathe the Truffle”, che mira a tutelare le tartufaie, il paesaggio e l’ambiente naturale. Ovviamente il centro di tutta la fiera è il Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, nel Cortile della Maddalena, in pieno centro storico: è qui che il protagonista indiscusso, proveniente dai boschi di Langhe, Roero e Monferrato,  viene studiato, annusato, assaggiato e garantito, prima di essere venduto.

fiera-tartufo-bianco-alba-coverdownloadtajarinFoto-Luca-Privitera-4-800x400

Lui, dal profumo inconfondibile al primo fiuto, non è così snob come sembra. Nelle Langhe, infatti, è proprio il tartufo bianco a trainare decine di altre eccellenze agricole del territorio. Vedi le nocciole Piemonte IGP e i grandi vini dell’Alta Langa che gli si abbinano. Un biglietto da visita di grande lustro. Chi viene nelle Langhe e nel Roero sa esattamente cosa aspettarsi: paesaggi incantevoli, e cibo di qualità. Il turismo tradizionale è quello enogastronomico; grandi vini accompagnano nelle tavole i piatti della tradizione langarola: i tajarin e i ravioli del “plin”, la battuta di fassona cruda.

Arte e cultura oltre la trifola. Qualche dritta su cosa fare e vedere tra uno stand e l’altro: Marina Abramovic, la più nota delle performer a livello mondiale, sarà ad Alba con Holding the Milk, video installazione al Coro della Maddalena, Via Vittorio Emanuele II, 19. Alba ha un incredibile underground: Alba  Sotterranea è un tour guidato da un archeologo alla scoperta dei numerosi passaggi sotterranei del percorso archeologico cittadino che conta in totale più di 30 tappe. Ogni itinerario di visita comprende tre siti sotterranei e una tappa conclusiva presso il museo civico Federico Eusebio di Alba. Per conoscere tutti gli eventi in programma www.fieradeltartufo.org

 

 

 

.

About

No Comments

Leave a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: