Scoppia la “cheese mania”: esperienze e degustazioni per formaggio addicted.

Se la pasta è la regina delle tavole italiane, il formaggio è il Re. E non è solo “un cibo”: dietro c’è tutto un mondo simbolico e rituale da veri -o wanna be -intenditori. Da Bergamo, a Milano, gli assaggi più pregiati e tipici dello stivale! (testo e foto Eleonora Lanzetti)

Quando si parla di formaggio, si parla di tradizione, di casa. Quale regione, provincia o paesello sperduto non vanta una forma o uno spicchio da valorizzare e di cui vantarsi? Appunto per questa ragione stanno nascendo moltissime fiere e manifestazioni legate al formaggio, nelle sue diverse declinazioni. Il fine settimana appena concluso, ad esempio, è stata Bergamo la cornice di eccellenze e rarità. FORME, questo il nome del progetto che ha preso il via da Expo 2015, ha portato in scena luxury cheese internazionali, esposti sotto teca nella bellissima sala di Palazzo della Ragione, in Bergamo Alta,  e D.O.P. locali. Non sapevamo che Bergamo fosse la città italiana con più formaggi D.o.p! Bella scoperta di gusto, visto che li abbiamo assaggiati tutti. Mai sentito parlare di Salva Cremasco, Provolone Valpadana, Quartirolo Lombardo, Grana Padano Riserva, Strachitunt (che è il progenitore del gorgonzola, ecco!)? Sono solo alcune delle meraviglie casearie bergamasche. Certo, poi ci sono anche il Branzi e tutti i formaggi delle Orobie a completare l’offerta. Accanto ai simboli locali, abbiamo avuto il piacere di ammirare alcune forme pregiatissime (e costosissime) provenienti da tutto il mondo: il Pule, tomino a pasta molle di latte equino e d’asina, prodotto in Serbia (costo 1200 euro al chilo!); il Callu de Cabrettu, caprino crudo antenato del formaggio made in Sardegna (paleogastronomia a 450 euro al chilo!), o il Cashel Blue ottenuto con caglio vegetale a Typperay, in Irlanda. Abbiamo un bottino di tutto rispetto, ora, e possiamo cimentarci in ricette per e prossime cene invernali.

IMG_20171021_103910IMG_20171021_105443IMG_20171021_105121IMG_20171021_104708IMG_20171021_105659

Se vi siete persi la meraviglia di FORME, potete sempre fare tappa a Milano il prossimo week end. Alla Fondazione delle Stelline si terrà la prima edizione di FormaggItalia 2017, nuova manifestazione dedicata interamente ai formaggi italiani d’eccellenza. Dal 27 al 29 ottobre 2017 nel Chiostro della Magnolia, ci sono in programma 3 giorni dedicati all’arte casearia per appassionati ed addicted (vuoi non andare?). Oltre 40 espositori, attentamente selezionati, provenienti da tutta Italia presenteranno prodotti unici che rappresentano la mappatura territoriale dell’arte casearia italiana sia tradizionale che moderna. Alla manifestazione non parteciperanno solo i produttori, ma anche gli affinatori e i consorzi. Realizzata in collaborazione con ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi), FormaggItalia permetterà al grande pubblico di conoscere e degustare gratuitamente i migliori marchi DOP-IGP-STG-PAT italiani! Un vero e proprio rito abbinare formaggio + vino giusto + marmellata in unione perfetta = trionfo di sapore! Rito che ci sta piacendo parecchio!

 

 

formaggio1formaggitalia3

About

3 Comments

  • juliaranel 25 Ottobre 2017 at 11:18 Reply

    Ciao! Ho scoperto il tuo blog tramite la pagina Facebook “travel blogger italiani”. Condividiamo le stesse passioni, quindi non posso non seguirti con piacere!
    Ilaria

Leave a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: